HOME

INFO DESK - CONTATTI

MAPPA DEL SITO

AREA DOWNLOAD

INFORMAZIONI GENERALI

   
Risorse del territorio
. Popolazione e territorio
. Sistema Infrastrutturale
Collegamenti e trasporti
Telecomunicazioni
Intermodalitą
Universitą
Fiere e congressi
Sanitą
. Sistema economico
. Servizi alle imprese
Servizi economici e finanziari
Servizi tecnico amministrativi
Associazioni e studi di consulenza
. Offerta scolastica
Universitą
Formazione superiore
Scuola dell'obbligo
Organismi accreditati
. Mercato del lavoro
Centri per l'impiego
Agenzie di lavoro interinale
. Amministrazioni pubbliche
I 50 Comuni
La Provincia
Il Consorzio per lo Sviluppo del Polesine
La C.C.I.A.A.
. Cultura e tempo libero
Il patrimonio artistico
Percorsi turistici
Parco del Delta del Po
Ricettivitą
. Il sociale
Il terzo settore

Il terzo settore

Il termine Terzo Settore è usato spesso come sinonimo di no profit per indicare l’impegno della società civile nella produzione di beni e servizi di interesse sociale. Tale settore rappresenta la capacità di saper affrontare bisogni diventati oggi sempre più diffusi all’interno della società a cui anche le amministrazioni pubbliche devono saper dare risposta.

Il Polesine ha saputo accogliere tale sfida costruendo al suo interno un vivace tessuto di associazioni, cooperative sociali e organizzazioni non governative impegnate in progetti e in azioni che mirano a sostenere la promozione umana e l’integrazione sociale dei cittadini appartenenti alle cosiddette categorie svantaggiate.

I dati di riferimento sono forniti dal Centro per i Servizi del Volontariato provinciale (CSV) che raccoglie una serie dettagliata di informazioni sul tema del volontariato in Polesine.



In particolare risultano essere attive nel territorio:

      • 218 associazioni di volontariato

      • 70 associazioni di promozione sociale

      • 42 cooperative sociali

Le iniziative implementate risultano essere numerose (442 progetti), tra queste la maggior parte sono rivolte all’assistenza sociale (191 progetti), alla sanità (141 progetti) e all’istruzione (36 progetti). Le restanti si suddividono tra azioni di protezione civile, di tutela ambientale, di cultura e tutela dei beni culturali e di tutela dei diritti civili.

Tale vivacità del Terzo settore non è da implicare in modo univoco alla necessità di far fronte alle difficoltà del sistema pubblico-privato, ma è soprattutto sinonimo di responsabilità e maturità della cittadinanza impegnata ogni giorno, con tali attività, ad affrontare problemi in modo solidale.